Sushchenko inserito nella lista per lo scambio di prigionieri

Il nome di Roman Sushchenko, il corrispondente di Ukrinform illegalmente detenuto in Russia, è stato inserito sulla lista per lo scambio di prigionieri compilata dal Joint Center per il Rilascio di Ostaggi del Servizio di Sicurezza ucraino.


Questo è quanto si apprende dalle parole pronunciate dal presidente del Servizio di Sicurezza ucraino Vasyl Hrytsak, a margine di una conferenza stampa tenutasi a Kiev:

Trovo difficile commentare quanto accadrà a Sushchenko. Posso solamente dire che il suo nome è stato inserito sulla lista per lo scambio di prigionieri” – ha riferito Hrytsak, rispondendo ad una domanda che lo interrogava sul futuro del giornalista.

Sempre il presidente del Servizio di Sicurezza ucraino ha poi assicurato che l’Ucraina compirà ogni sforzo necessario per garantire il ritorno a casa di Sushchenko.

Il corrispondente in Francia per UkrInform, Roman Sushchenko, è stato arrestato a Mosca il 30 settembre scorso, dopo il suo arrivo in Russia per scopi privati. È stato poi accusato di spionaggio e di essere un membro del Direttorato d’Intelligence del Ministero della Difesa ucraino, che però ha subito negato qualunque coinvolgimento del giornalista coi propri affari, rigettando al mittente le accuse del Servizio di Sicurezza Federale della Federazione Russa.

Il 1° ottobre un tribunale russo ha condannato Sushchenko agli arresti per un periodo di 2 mesi (fino al 30 novembre). Il 7 ottobre sono state formalizzate nei suoi confronti le accuse di spionaggio. Sushchenko si è sempre dichiarato innocente rifiutando tutte le accuse.

Fonte: Ukrinform

Seguici su Facebook:

Giacomo Centonze

Diplomato come ragioniere/programmatore, ora sono uno studente di Scienze Sociali per la Globalizzazione all’Università Statale di Milano. Faccio parte della redazione di Newslinet.it.
Chitarrista e cantante dei Ciaparatt, gruppo di musica popolare milanese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti interessa quello che accade in Ucraina?

Allora resta aggiornato tramite Facebook!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi